mercoledì 23 aprile 2008

Per Amore: al di là della vita, al di là della morte

C'eravamo trovati nel nulla,
dal nulla.
Lei cresceva e io decrescevo
nel tempo reale,
Lo scontro, l'impatto
è stato folgorante:

"Io a tentoni ti cercavo da sempre,
dico a tentoni,
perché intorno a me
c'era solo e soltanto Buio.

Poi c'è stato un chiarore e,
come il sole nascente, è
divenuto un Bagliore, ho visto
finalmente attorno a me,
ho visto te,

grazie per avermi inondato di luce."

Eco & Luna

3 commenti:

Merlino ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
viramo ha detto...

prova test iscrizine

viramo ha detto...

IMMORTALITA'

Tu non sei il tuo corpo.
Non sei i tuoi pensieri, la tua mutevole personalità.
Il tuo corpo ha una certa età ma tu,te stesso, non hai eta!
Il tuo corpo può ammalarsi o stancarsi, ma il tuo vero sè, l'anima sempiterna, non può stancarsi, non può mai conoscere la malattia.

Di sempre a te stesso:" Io sono figlio dell'Eternità!"
Non identificarti con la tua forma esteriore, ne con i suoi cambiamenti, ma vivi nell'eternità.
E'la nostra identità con il cambiamento che crea l'illusione del tempo che passa.
Percepisci che attraverso tutti i cambiamenti esteriori tu, l'anima immortale, rimani lo stesso.
La morte stessa non sarà altro che un altro cambiamento, non identificarti con essa.
Allora,quando la morte verrà,
t'eleverai nell'eterna LIBERTA'

Con amore... Namastè Viramo

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.